VERGINE

vergine-zodiaco-e1432917689203

 

Vergine 23 agosto, 22 settembre – trasformativo, terra, femminile

L’energia spesa dal leone senza limiti, incontra il segno della vergine che, da buon elemento terra, riporta la persona con i piedi, appunto, per terra. E’ questo un segno pratico, abile nei lavori che svolge. Ha una grande capacità realizzativa e la sua efficienza è riconosciuta da tutti. Spesso troviamo le persone che appartengono alla vergine, nei luoghi dedicati al servizio alle persone: che sia un centro estetico, uno medico o un avvocato, fa poca differenza: il servizio è la sua missione. Per servizio s’intende svolgere un lavoro che poi sia utile a qualcun altro. Non è da interpretare come mettersi in una posizione di sacrificio. La vergine non si sacrifica, se non per le cose che possono portarle una certa utilità. La qualità di servizio che il segno possiede, se associata al suo elemento trasformativo, lo rende abile nel migliorare tutto quello che gli passa per le mani. Toglie il superfluo, l’inutile, lascia l’essenziale e tutto ciò che serve allo scopo. Molto razionale, è lucidissimo nel “vedere” le situazioni che vive giornalmente, spesso manifestando anche forti critiche la dove trova l’imperfezione. Questo atteggiamento, spesso la vergine lo fa con se stessa, diventando ipercritica e quindi autodistruttiva. Tuttavia, se trova un equilibrio tra l’ideale da perseguire e la realtà delle cose, ha le capacità di migliorare in modo costruttivo. Come obiettivo principale ricerca la costruzione della perfezione, anche quella di se. Nella sua mente, per altro molto attiva, conserva l’ideale della bellezza, della perfezione e della purezza. Purtroppo però, questo ideale è appunto un ideale e si scontra con l’umana imperfezione. Pertanto, quando si confronta con questo irraggiungibile ideale, diventa ipercritico verso di se e si sente intimamente non all’altezza, non meritevole, anche se poi esternamente non lo esprime. Allora punta il dito verso gli sbagli delle persone che la circondano, evidenziando i loro errori. Frequentare una persona di questo segno, fa molto bene; è in grado di vedere qualcosa che non va a milioni di chilometri di distanza e di evidenziarlo. Se preso in modo costruttivo, il parere della vergine è qualcosa di potenzialmente benefico. È associato alla medicina, alle cure mediche in generale, ai terapeuti a coloro in grado di aiutare le persone che non stanno bene. Proprio per questo motivo, durante la loro vita si trovano spesso ad affrontare relazioni con persone con disturbi fisici e psicologici. Svolgono lavori collegati alla bellezza e cura della persona e sono i più bravi in assoluto nel compiere il loro lavoro.

Il pianeta governatore è mercurio. Mercurio governa due segni, il gemelli e appunto la vergine. Se nel primo segno rappresenta la comunicazione, quando svolge il ruolo di rappresentante della vergine, diventa il “caduceo”, un bastone con due ali e due serpenti attorcigliati rappresentante la pace ed il benessere. Il caduceo era il bastone sacro, lo scettro del dio greco Hermes, che lo esibiva come simbolo per dirimere le liti, poiché tale bastone manifestava l'”Equilibrio” che doveva esserci in tutte le cose. In questo contesto, mercurio è la mente selettiva, la mente che archivia e che percepisce i minimi dettagli. Come il falco che dalla sua altezza è capace di vedere anche un piccolo vermicello, così la mente mercuriale della vergine percepisce anche una piccola imperfezione e la rimuove. O meglio, tenta, perché non sempre è possibile. Le imperfezioni fanno parte della vita, e rappresentano le caratteristiche che ci contraddistinguono gli uni dagli altri ed eliminarle toglierebbe qualche cosa di personale. Troverete persone del segno vergine che ricorrono alla chirurgia estetica proprio per la costante ricerca di quella perfezione cui ambiscono. In fondo, se ci si riflette, è quell’esagerata autocritica verso di se che crea esternamente la ricerca della bellezza perfetta. Il servizio, che costituisce una buona parte della struttura energetica della vergine, interviene utilizzando l’umiltà. Con questo concetto, voglio indicare la capacità di osservare con atteggiamento obiettivo, gli aspetti di se che non vanno. Poi che riesca o no a modificarli, dipende da tanti fattori, anche se la vergine possiede le potenzialità per farlo. Purtroppo questa sua qualità se presa in negativo, si trasforma in un forte giudizio verso la propria immagine e il proprio essere, diventando anche troppo esigente su quelle che sono le sue capacità. E allora oltrepassa i propri limiti solo per dimostrare che non è limitato. Invece, la vergine è proprio il segno dei limiti, che diventano i mezzi di cui dispone e della ricerca per utilizzarli nel migliore dei modi. L’umiltà deve servire proprio a questo: prendere coscienza di cosa si è capace di fare e di accettarsi per come si E’. Senza tuttavia rinunciare alla ricerca della felicità eliminando gli ostacoli che impediscono il suo raggiungimento.

Chi nasce sotto il segno della vergine, prima di ogni cosa dovrà far pace con la sua parte femminile, poi ha il compito di utilizzare i talenti che Dio gli ha donato, mettendoli al servizio degli altri senza dimenticare le proprie esigenze personali.