12 Giugno 2020

MARTE – NETTUNO: AFFRONTA LE TUE PAURE

By francesco ballarini

Sono i giorni della congiunzione Marte Nettuno nel segno dei pesci, in perfetta quadratura con il Sole nel segno dei Gemelli.

Marte rappresenta la forza, il coraggio, la determinazione della volontà. Nettuno è il pianeta della Paura, del caos, ma lo è solamente perché si contrappone all’Ego e l’Ego ha paura di perdere il controllo: Nettuno trascende l’Ego, è associato al settimo chakra, che si collega all’assoluto, al vuoto.

È un passaggio importante, come oramai da qualche mese (se non anni) tutti i transiti lo sono: ma in particolare questo poiché ci permette di concludere una fase, un ciclo, per poi aprirne un altro, quando Marte passerà al segno Ariete e ci soggiornerà per ben sei mesi: ma ne riparleremo. I tempi suggeriscono di affrontare una fase alla volta, senza dimenticare però dove siamo diretti.

Dove siamo diretti?

È fuor di dubbio che la nostra direzione è verso una trasformazione radicale delle nostre vite: Urano in Toro, come descritto in articoli precedenti, ci chiede di “rivoluzionare” la materia. Quindi ogni aspetto di forma fisica, e quindi la realtà in cui viviamo, sarà inevitabilmente trasformato. Urano “distrugge” ciò che trova per far spazio ad un nuovo sistema di valori. Il modello economico, sociale e politico vissuto fino ad ora non è più risonante con la nuova frequenza che stiamo vivendo. La Grande Congiunzione accaduta tra febbraio e Marzo di quest’anno ha dato il via al Grande Risveglio delle coscienze. I disordini che stiamo vivendo in questi ultimi tempi ne sono la dimostrazione: se non ci fosse un “risveglio” non ci sarebbero questi iniziali scontri per la verità, libertà e giustizia. Stiamo per entrare nella fase del “nuovo Umanesimo” al centro del quale appunto c’è l’Essere Vivente, sotto ogni forma, da tutelare e far crescere nelle sue potenzialità. Questo è l’obiettivo, la direzione che l’Universo sta perseguendo, anche se ora vediamo attorno a noi tutto il contrario: ma è il volano che poi attiverà l’energia opposta. Per accendere il fuoco, prima dobbiamo creare la scintilla.

Cosa stiamo vivendo?

Attualmente ci viene richiesto di fare uno sforzo consapevole: attraversare la soglia della paura perché solo così potremo essere veramente liberi. La paura di vivere, se non anche quella di morire è il problema dell’Uomo. Siamo esseri che nella loro manifestazione materiale sono a tempo determinato e così va accettato. La domanda che dovremmo porci è: come posso contribuire a favore dell’evoluzione durante questo tempo limitato? Cosa posso fare per migliorare la mia vita e quella di chi soggiorna in questo pianeta? Come posso utilizzare al meglio le mie risorse personali?

La paura di vivere è collegata alla paura di morire: facciamo di tutto per allungare anche solo di un giorno la nostra presenza sulla terra; molte culture soprattutto occidentali, rifiutano la morte descrivendola come un qualcosa di orribile. Personalmente io la vedo come un grande orgasmo: sapete, in oriente l’orgasmo sessuale è descritto come una piccola morte. Immaginate cosa potrebbe essere invece la morte stessa: e se fosse realmente un orgasmo così grande da farci perdere appunto ogni ancoraggio materiale trasportandoci in una dimensione estatica? 

Marte congiunto a Nettuno ci chiede di attraversare la Paura di perdere la nostra identità, di confonderci col tutto. La paura di trascendere, ci lasciarsi andare, di permettere che il flusso della vita faccia accadere la Vita stessa: ora il “lasciar andare” è la nostra “ancora” di salvezza. Il comprendere che siamo qualche cosa di più grande, di più evoluto rispetto a ciò che ci hanno fatto crede e tentano tutt’ora di convincerci. In tanti abbasseranno la testa, sottomessi dalla paura e schiavizzati dal potere. Tuttavia, ci sarà una parte considerevole dell’umanità, che invece alzerà la testa, non per combattere, ma per usare il terzo occhio, la Visione dimensionale, il sesto senso. Questo permette di vedere un altro mondo, di vedere le nostre potenzialità. Tante persone si uniranno e non permetteranno di creare un altro “regime autoritario” come è accaduto dal dopo guerra in poi. Urano in toro chiude il ciclo apertosi con la Seconda guerra mondiale. Ora apre un nuovo ciclo, quello dello sviluppo dei nuovi valori Aquariani, dell’Era dell’Aquario che a parer mio inizierà con l’ingresso di Plutone in Aquario nel 2024. Sarà davvero un anno interessante! Teniamolo d’occhio perché è anche bisestile. Plutone impiega 250 anni per ritornare in un segno, pertanto sarà un momento veramente importante. Sarà il crollo di tutto ciò che ci ha condizionato finora, la sostituzione di un Sistema mondiale con un altro più evoluto.

Ma ora abbiamo necessità di attraversare la Paura. Se non sei disposto, sappi che rimarrai nella zona di comfort certo, ma a che prezzo? Delegherai le tue scelte a esseri senza scrupoli, a signori che vorranno da te una cosa sola: la tua anima, perché si nutrono con la Paura, con le emozioni negative di noi umani e faranno di tutto per mantenerla.

Se invece accogli il cambiamento e attraversi la soglia della Paura, ti ritroverai assieme ad altri esseri viventi, in sintonia con le frequenze del pianeta che ci sta chiedendo collaborazione e cooperazione solidale ed evolutiva, nel rispetto di ogni forma di vita. Superare la Paura significa non alimentare più un Sistema fondato proprio su di essa. Nutrire invece con l’Amore e la Luce un nuovo Sistema dentro al quale ogni forma vivente viene rispettata e valorizzata.

La quadratura di Marte-Nettuno con il sole in gemelli ha la durata di qualche giorno. Tuttavia, se la contestualizziamo con gli altri transiti presenti e futuri, ha un valore incredibile. La domanda è: “da che parte vuoi stare?” cosa scegli di essere e diventare? Ci vuole coraggio per lasciare il passato e ciò che siamo stati e siamo tutt’ora, l’ego ci darà battaglia perché non vuol perdere il potere acquisito; ma non ripartiamo da zero, portiamo con noi gli insegnamenti ricevuti e appresi durante questi anni. Vivere nella verità e libertà di essere, superare il bisogno di sicurezza che ci imprigiona in gabbie invisibili di consumismo sfrenato e inutile. Ritrovare la sicurezza ognuno dentro di sé, nelle sue qualità e risorse talentuose, nel suo Potere di Co-Creatore della Vita. Ora è importante lasciare andare il passato, chiudere un ciclo, una fase della nostra vita che ci ha visto attori non protagonisti di un film scritto spesso da altri.

Non vi nascondo che saranno anni impegnativi quelli che avremo di fronte, ma vi posso garantire che ci sarà da “godere” tanto nel vedere smantellare il sistema ignobile che ci ha controllato segretamente, vedere come abbiamo vissuto da schiavi a nostra insaputa. Certo, inizialmente ci farà anche incazzare, ma poi sarà una vera e grande liberazione, un orgasmo: perché potremo manifestarci per ciò che realmente siamo! Una DIVINITA’!

AKASH